TREBBIA Dalla foce alle sorgenti. Un racconto di primavera

Lungo il fiume con Andrea Ambrogio

Trebbia a valle
Trebbia a valle

"Era un giorno d'estate quando scoprii i suoi spettacolari meandri incastrati. E da allora, ogni volta che ritorno sulla tortuosa strada, attendo con trattenuta emozione quella curva dalla quale poter vedere laggiù, in fondo alla valle, le acque del Trebbia".
L'emozione dell'illustratore piacentino Andrea Ambrogio si è tradotta in un'affascinante successione di acquarelli, disegni e testi, a metà strada tra il taccuino di un viaggiatore, che annota spunti e riflessioni su ciò che incontra nel suo viaggio, e il quaderno di campo di un naturalista, che scrive e illustra le caratteristiche del territorio che esplora, la flora e le specie faunistiche.
Il viaggio inizia dalla foce a Rivergaro, prosegue in collina verso Bobbio per poi salire in montagna sino alle sorgenti, gettando uno sguardo tra i maestosi meandri presso S. Salvatore

Saliceto arboreo lungo il fiume
Saliceto arboreo lungo il fiume
La primavera nei meandri del Trebbia
La primavera nei meandri del Trebbia
La conoide e il Castello di Rivalta
La conoide e il Castello di Rivalta
Ballerina gialla femmina
Ballerina gialla femmina
Fioritura di salice ripaiolo
Fioritura di salice ripaiolo